ENEA: A BARI TAPPA TOUR "EFFICIENZA ENERGETICA ON THE ROAD"

ENEA: A BARI TAPPA TOUR "EFFICIENZA ENERGETICA ON THE ROAD"

BARI (ITALPRESS). "Il nostro programma di lavoro e' quello di  elevare il nostro Paese a un livello di sensibilita' verso  l'efficienza energetica superiore".  Cosi' Roberto Moneta, Direttore del Dipartimento Unita' Efficienza  Energetica dell'ENEA, presenta a Bari l'ottava tappa del tour  "Efficienza energetica on the road", la prima campagna di  informazione "itinerante" organizzata da ENEA, l'agenzia nazionale  per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico  sostenibile, nell'ambito della Campagna Nazionale "Italia in  Classe A". Si tratta di un progetto per rafforzare l'interesse verso l'uso consapevole dell'energia e accelerare il processo di  miglioramento dell'efficienza energetica attraverso una maggiore e  migliore conoscenza degli strumenti e delle opportunita' di  settore.  L'iniziativa, che prevede la presenza di professionisti,  ricercatori e tecnici relatori di incontri pubblici, dibattiti e  conferenze-spettacolo, coinvolge infatti dieci citta' dal nord al  sud del Paese per far conoscere alle diverse realta' territoriali  le opportunita' e i vantaggi di un settore fortemente  caratterizzato da investimenti diretti all'efficientamento energetico.  ITP, giovedì 08 febbraio 2018 "Abbiamo compiuto un percorso di informazione - continua Moneta -  caratterizzato da un primo anno di presenza radiotelevisiva e da  un secondo dove abbiamo cercato di raggiungere i target,  cittadini, studenti, pmi e pubblica amministrazione, con  interventi mirati. Contiamo il prossimo anno di focalizzarci sui condomini che sono alla base della strategia energetica  nazionale". Il "tour", infatti, vuole favorire la costruzione di  un'alleanza che coinvolga tutti i soggetti sociali e imprenditoriali, politici e associativi che vogliono puntare a  fare dell'efficienza energetica del patrimonio edilizio la leva  per uscire dalla crisi, creando occupazione e nuove opportunita' per le citta' italiane, oltre che a spingere i cittadini ad una  maggiore consapevolezza di cosa significa efficientare il sistema  elettrico pubblico e privato. L'Italia pero' e' in una situazione  migliore rispetto al resto d'Europa: "L'Italia e' in una  situazione medio-alta rispetto all'Europa. - spiega ancora Moneta  - Ha ripreso parecchie posizioni a partire dal 2005 con le nuove  normative e con una sensibilita' maggiore in tutto il Paese. Ora  pero' abbiamo piu' difficolta' di altri Paesi a raggiungere l'obiettivo proprio perche' abbiamo dei margini di miglioramento  piu' stretti che richiedono investimenti maggiori. Per questo  bisogna organizzare al meglio gli interventi calcolando bene le  spese".