#OILFREE PROSEGUE LA RASSEGNA CONTEMPORANEA DELLA REPUBBLICA DEL DESIGN SUI TEMI DELLA SOSTENIBILITÀ, DEL LINGUAGGIO E DELLA SEMIOTICA DELL’ENERGIA

pubblicato il 28 novembre 2019
#OILFREE PROSEGUE LA RASSEGNA CONTEMPORANEA DELLA REPUBBLICA DEL DESIGN SUI TEMI DELLA SOSTENIBILITÀ, DEL LINGUAGGIO E DELLA SEMIOTICA DELL’ENERGIA

Mercoledì 4 dicembre la sostenibilità di genere si racconta nella mostra personale della pittrice cilena Antonia Covarrubias Noe

Mercoledì 4 dicembre in via Cosenz 44/4 a Milano dalle ore 18.30 nello spazio espositivo dell' Associazione Repubblica del Design - nell’ambito della Campagna nazionale Italia in Classe A #Novembre #Mesedellefficienzaenergetica - in collaborazione con il Dipartimento Unità Efficienza Energetica dell’ENEA – si inaugura la mostra personale “Contaminazioni” della pittrice cilena Antonia Covarrubias Noe, a cura di Sveva Manfredi Zavaglia. L’evento è nel calendario delle attività di “OIL FREE”, una rassegna costruita sulla multidisciplinarietà, nata dalla necessità di raccontare la resilienza e la rigenerazione urbana attraverso l’arte contemporanea e la ricerca scientifica nel percorso di transizione energetica. Il fine è rappresentare la sostenibilità energetica attraverso i linguaggi dell’Arte Contemporanea, della Tecnologia, del Design, accompagnando tutti verso comportamenti e scelte consapevoli, per offrire risposte concrete e innovative alle sfide dei cambiamenti climatici all’ interno delle città metropolitane, nell’era del post petrolio.
Dopo la presentazione dello spot #DonnediClasseA e l’inaugurazione dell’installazione urbana AGORA’ dell’artista romano Gianfranco Basso - visitabile fino al 22 dicembre - la mostra vuole avvicinare il visitatore ad una delle sfide poste dall’ Agenda 2030, in particolare l’obiettivo 5 finalizzato all’equità di genere.
La chiave di lettura passa sotto l’osservazione delle sfumature e dei colori creati con pigmenti ed acqua da Antonia Covarrubias Noe. Vuoti e pieni di materia avvolti in sottili strati creano ritmi nella composizione, e armonie su tele, raccontando un Cile intimo e materno. Una sospensione di energia che ci avvolge e che favorisce la casualità prima, l’intensità durante e la liberazione finale voluta e desiderata dalla sua mano attenta. Colature, macchie, pennellate diventano elementi formali dell’opera e restano impressi sulla superficie creando sfumature intense, piene di vigore e passione, imprevedibili e prevedibili a volte. Pennellate espresse in piena libertà e gestualità controllata, che creano contrasti di luci ed ombre. L’artista cerca sempre una relazione con il movimento, incorporando a volte soggetti o veline di carta che sembrano quasi musicali, leggeri e freschi.
Partecipano al talk di inaugurazione sui temi della sostenibilità energetica e della rigenerazione urbana:
Giuseppe Lardieri, Presidente del Municipo 9 del Comune di Milano, Luca Coser, docente dell’Accademia di Belle Arti di Brera, Davide Crippa fondatore della Repubblica del Design, Nicola Rainisio, Cattedra di Psicologia Sociale- Università Statale di Milano, Ilaria Sergi del Dipartimento Unità Efficienza Energetica dell’ ENEA per Italia in Classe A.
La rassegna indaga, attraverso il linguaggio artistico, sia sul ruolo dei new media che su quello delle donne nel processo di transizione energetica.